geom.emilianobeltrami@gmail.com
+0297384536

facebook

twitter

instagram

linkedin
2015 05 24 - intestazione sito internet - copia
VIA SAVONA 94, 20144 Milano
geom.emilianobeltrami@gmail.com
+0297384536

STUDIO TECNICO Geometra Emiliano Beltrami

progetti, pratiche edilizie, catastali e licenze commerciali

Abbattimento barriere architettoniche

Abbattimento delle barriere architettoniche

        La normativa in materia di abbattimento delle barriere architettoniche ha preso impulso con la  LEGGE del 9 gennaio 1989, n. 13 nonché dalla pubblicazione in gazzetta del DECRETO MINISTERIALE 14 giugno 1989, n. 236.

 

Da quel momento tutte le normative locali e nazionali si sono evolute tenendo in considerazione questo particolare tema.

 

Oggi sono consolidate le soluzioni progettuali che armonizzano questa necessità con il design dell'edificio.

 

La legge n. 234/2021 (legge di bilancio 2022), modificata dal DL n. 212 del 29 Dicembre 2023, ha introdotto la possibilità di optare in una detrazione d’imposta del 75% delle spese documentate sostenute nel periodo tra il 1° gennaio 2024 e il 31 dicembre 2025 per la realizzazione in edifici già esistenti di interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche aventi ad oggetto esclusivamente scale, rampe, ascensori, servoscala e piattaforme elevatrici.

 

In alternativa alla detrazione, i contribuenti possono optare:

 

  • per la cessione ad altri soggetti del credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante

 

  • per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi agevolati (cosiddetto sconto in fattura).

 

Va ripartita tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo.

 

La detrazione deve essere calcolata su un importo complessivo non superiore a:

 

  • 50.000 euro, per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno

 

  • 40.000 euro, moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari

 

  • 30.000 euro, moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

 

Per usufruire dell’agevolazione gli interventi devono rispettare i requisiti previsti dal decreto del Ministro dei lavori pubblici n. 236 del 14 giugno 1989 (Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell’eliminazione delle barriere architettoniche).

 

Dal 1° gennaio 2023, per le delibere condominiali che approvano questi lavori è necessaria la maggioranza dei partecipanti all’assemblea che rappresenti almeno un terzo del valore millesimale dell’edificio (art. 1, comma 365, legge n. 197/2022).


Si tratta della stessa maggioranza semplificata prevista per le delibere aventi ad oggetto gli interventi agevolati con il “Superbonus” e l’adesione all’opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura (articolo 119, comma 9-bis, del decreto legge n. 34/2020).

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder